Carpaccio di orata

22 Ottobre 2019paolo bortolussi
Blog post

Carpaccio di orata: un antipasto perfetto per gli amanti del pesce crudo, in cui oltre la marinatura (la cui ricetta l’ho imparata  da un viaggio a Capri di molti anni fa) il pesce viene aromatizzato dalla frutta e verdura con contrasti dolci/acidi  ma anche dal tocco finale con la spruzzata di Gin.

Naturalmente Per questa ricetta come per tutte quelle che prevedono il consumo di pesce crudo vanno rispettate le norme igieniche che prevedono o l’acquisto di pesce già abbattuto oppure un abbattimento domestico per poter mangiare il pesce in tutta sicurezza e tranquillità.

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
4 filetti di orata già abbattuti
10 lamponi
4 mini kiwi
3 ravanelli
1 cipolla rossa di Tropea
succo di 1/2 limone
100 ml di olio evo
menta fresca
sale, pepe nero
Gin

 

PROCEDIMENTO:
Iniziate con la preparazione della marinatura per permetterle di insaporirsi al meglio: in una ciotola mettete il succo di limone, un pizzico di sale e una macinata di pepe nero, mescolate bene per far sciogliere il sale e quindi aggiungere l’olio  e le foglie di menta fresca. fate riposare in frigo per almeno un paio d’ore.

Con un coltello molto affilato create delle fettine sottili dal filetto dell’orata, se avete una pescheria di riferimento potete farvele preparare anche da loro. Aggiungete ora le fettine di orata all’olio aromatizzati e  lasciate marinare in frigo un oretta se vi piace che il pesce acuisti più sapore, mentre se siete dei puristi del crudo usate la marinatura solo all’ultimo momento.

Nel frattempo lavate e asciugate molto bene la frutta e la verdura; Tagliate a metà i lamponi, a fette sottili i mini kiwi e a fette sottilissime i ravanelli e la cipolla di tropea.

Disponete su ogni piatto  3 fettine di carpaccio di orata marinata, distribuiteci sopra un filo del suo olio aromatizzato  e completate  il piatto con sopra le fettine di cipolla, ravanelli e la frutta.

Una volta serviti tutti i commensali completate con una spruzzata di gin su ogni piatto.  Questa operazione naturalmente non è obbligatoria ma può essere interessante per donare degli aromi aggiuntivi al pesce, che naturalmente dipendono dal tipo di gin che andrete ad utilizzare.

 

Se ti è piaciuta la ricetta del carpaccio di orata, prova a guardare anche:
Carpaccio
Carpaccio di zucca

HASHTAGS #Passionfood_it
Se riproducete la mia ricetta  fatele una foto e condividetela su Instagram con l’hashtag #passionfood_it sarò felice di ripostarla nelle mie stories.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Post Next Post