Tartare di pomodoro

13 Luglio 2018paolo bortolussi
Blog post

Tartare di pomodoro? ebbene si, dopo aver visto i pomodori  cuore di bue dell’orto di mio papà non ho saputo resistere a trasformarli in un’antipasto sfizioso, originale e di tendenza in questo periodo. Il tutto senza accendere nemmeno un fornello, quindi super top per queste giornate di afa estiva.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
400 gr pomodoro cuore di bue maturi
100 gr stracciatella di burrata
4 acciughe
3 cucchiai  di fiori capperi sotto sale
frutti di capperi in salamoia
salsa worcestershire
tabasco
1 cucchiaio senape
1 scalogno piccolo
timo e basilico  fresco
pepe nero
olio evo
fiori per decorare (io qui ho utilizzato il fiordaliso)

PROCEDIMENTO:
Lavate i pomodori e sbucciateli con l’aiuto di un coltello, tagliateli a metà, eliminate  il torsolo e cercate di togliere tutti i semi. Con un coltello ben affilato ricavate dei piccoli cubi di dimensioni simile dalla polpa dei pomodori e metteteli in un colino per far perdere l’eccesso di liquido per almeno 20 minuti.

Nel frattempo preparate il condimento della tartare mescolando  in una terrina di vetro, la senape, qualche goccia di salsa tabasco, regolandovi in base alla vostro gusto piccante, qualche goccia di salsa worcestershire, delle foglioline di timo e di basilico sminuzzate, precedentemente lavate  ed asciugate, una macinata di pepe nero. Sminuzzate a coltello le acciughe e i capperi messi in un bicchiere d’acqua per fargli perdere l’eccesso di sale e asciugati con della carta cucina, sbucciate e tagliate finemente anche lo scalogno. Aggiungete tutto nella terrina e mescolate bene.

Aggiungete  i pomodori  nella terrina,  mescolate  tutto assieme e lasciate riposare per almeno 15 minuti in frigorifero.

Disponete la tartare su ogni piatto,  magari con l’aiuto di un coppapasta per dargli una forma più regolare (fate attenzione in questa fase a non prelevare anche l’acqua che avranno rilasciato, se fosse troppa passate i pomodori velocemente  al colino), versateci sopra la stracciatella di burrata e decorate con delle foglioline di basilico, io qui ho usato anche quelle di nasturzio e qualche petalo di fiore edibile a piacimento e dei frutti di cappero in salamoia.   Finite il piatto con un giro d’olio extravergine d’oliva sopra la tartare e servite a piacimento con dei crostini di pane tostato.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + nove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Post Next Post