Veneto burger

4 Marzo 2019paolo bortolussi
Blog post

Veneto burger? la risposta a km 0 dei classici hamburgher. In cosa consiste? Un panino al latte,  in cui viene spalmata della crema di fagioli di Lamon, aggiunta della cipolla rossa  caramellata e  una fetta di cotechino. Pochi semplici ingredienti che racchiudono in un panino il vero spirito della mia regione. Optando per dei bocconcini  piccoli di pane si trasformano in  dei perfetti  finger food.

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
4 panini piccoli al latte
1 cotechino
1 cipolla rossa media
100 gr di fagioli di Lamon
sale, zucchero, pepe nero, aceto di mele, olio evo  q.b.

 

PROCEDIMENTO:
Per la crema di fagioli, leggete la ricetta che trovate qui nel blog  con il titolo crema di fagioli: Crema di fagioli (se non avete tempo di prepararla, acquistate i fagioli lessi in scatola e frullateli.)

Mettete il cotechino in una pentola capiente riempita d’acqua fredda , fatelo cuocere a fuoco dolce per almeno due ore, dal bollore. Quando sarà cotto, scolatelo dal suo brodo, privatelo dal budello e tagliatelo a fette spesse circa 1 cm. (se volete ridurre i tempi, potete optare per la versione precotta che trovate al supermercato).

Pulite la cipolla e tagliatela a fette  e poi  dividetele a metà, cucinatele in  padella con  3 cucchiai di olio un goccio d’acqua e qualche pizzico di sale, quando cominceranno a stufarsi aggiungere 2 cucchiaini di zucchero e continuare a mescolare, a questo punto sfumate con dell’aceto di mele  e lasciate evaporare finché  risulteranno asciutte e caramellate. Macinate a piacimento del pepe nero.

Tagliate i panini a metà nel senso orizzontale, spalmate la crema di fagioli su entrambe le metà, in quella inferiore aggiungete un cucchiaino di cipolla caramellata e sopra una fetta di cotechino, chiudete il burgher con la metà superiore ed eventualmente fermate il tutto con  degli stuzzicadenti.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Post Next Post