Salmone al vapore di fiori di sambuco

12 Ottobre 2017paolo bortolussi
Blog post

FILETTO DI SALMONE AL VAPORE AROMATICO

Viaggiando molto per lavoro in auto, nel periodo estivo mi imbatto in strade piene di arbusti e alberi di sambuco, ho cercato mentre guidavo di pensare a un modo di poter utilizzare questi fiori profumatissimi, oltre al classico sciroppo che trovate sempre nel blog la ricetta (sciroppo di sambuco) o ai fiori fritti tra l’altro buonissimi, e mi è venuto in mente di sfruttare appunto la loro aromaticità per profumare  dei filetti di salmone da cucinare al vapore.

Una ricetta sana è diversa dove la parte più importante sta nella cottura che non deve essere troppo prolungata per non rendere la carne del salmone  troppo stopposa.

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
4 tranci di  filetto  di salmone fresco
12 fiori di sambuco
1 lt d’acqua
zenzero, cardamomo, limone, cipolla, gambi di prezzemolo, aneto
100 ml di  vino bianco secco
pepe nero in grani, olio evo, sale Maldon

PREPARAZIONE:

Mettete a bollire l’acqua con delle fettine di limone, dello zenzero pelato, alcuni grani di pepe e semi di cardamomo, mezza cipolla tagliata, dei gambi di prezzemolo, 100 ml di vino bianco, questo renderà il vapore ancora più aromatico e profumato.

Una volta raggiunto il bollore  sovrapponete una vaporiera in bambù e sistemate sul fondo dei fiori di sambuco precedentemente lavati, aggiungete i tranci di salmone con la loro pelle desquamata e avendo avuto cura di estratte tutte le lische, chiudete con il coperchio.

Lasciate cuocere per 20  minuti circa (dipende dallo spessore del pesce), estraete i filetti e impiattateli con un filo d’olio sopra, un ciuffo di aneto  e dei fiocchi di sale Maldon oppure  portate a tavola la vaporiera  per mostrare e stupire gli ospiti con questa forma alternativa di cottura al vapore.

INFO:Il sale di Maldon si produce nell’omonima località inglese,  la sua caratteristica è di presentarsi in fiocchi croccanti e friabili. Si impiega a fine cottura, nella rifinitura del piatto, per mantenerne intatte le caratteristiche di croccantezza che lo caratterizzano. Si sposa molto bene con le consistenze molli, dove lavora per contrasto. Da provare anche in abbinamento con il cioccolato o al caramello.

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quindici − due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Post Next Post
Compila il form per ricevere uno sconto del 20% sui corsi di cucina online della piattaforma ACADÈMIA